Fattori biologici

Non so degli scienziati pubblicati che escono e dicono che non ci sono prove di alcuna influenza biologica sull'orientamento sessuale. Non ne ho incontrato nessuno. Quindi, penso che siamo nel regno qui di là ci sono molte prove per l'influenza biologica. E c'è ancora molto da fare per capire come funziona.Dr. Eric Vilain, UCLA, professore di genetica umana

Quando parlo alle università, gli studenti spesso chiedono se le persone sono "nate gay" e se l'attrazione dello stesso sesso è una "scelta". Spesso rigiro la domanda e chiedo: "Quando hai scelto di essere etero?"

La stragrande maggioranza di questi studenti sembra disorientata perché capisce che la loro sessualità è una parte naturale e profondamente radicata di quello che sono - e certamente non una scelta consapevole. Bene, è esattamente lo stesso fenomeno per le persone gay, lesbiche, bisessuali e transgender. Semplicemente siamo chi siamo e amiamo la persona di cui ci innamoriamo, proprio come tutti gli altri.

Le ultime ricerche scientifiche mostrano che l'omosessualità e la bisessualità sono normali variazioni della diversità biologica. Infatti, il dottor Bruce Bagemihl, autore di Esuberanza biologica: omosessualità animale e diversità naturale, ha scientificamente documentato l'omosessualità in più di 1,500 specie di mammiferi, uccelli, rettili, insetti e altri animali in tutto il mondo. Mentre gli umani sono certamente diversi da altre specie animali e non sono facilmente comparabili, l'esistenza incontrovertibile dell'omosessualità in natura dimostra che questo comportamento è un fenomeno naturale.

In uno degli studi sugli animali più ampiamente citati, il dott. Charles Roselli, uno scienziato alla Oregon Health & Science University, ha scoperto che i ram orientati omosessuali avevano cervelli che assomigliavano a pecore femminili:

Tutte le prove che abbiamo evidenziato che c'è un'influenza biologica sullo sviluppo dell'area del cervello. E per deduzione sullo sviluppo del comportamento. C'è stata qualche ricerca sull'educazione. I montoni sono allevati in tutti i gruppi maschili, quindi potresti pensare che sia una specie di effetto da collegio. Ma ci sono state delle ricerche su questo. E in realtà non importa se sono allevati con altri maschi, allevati con femmine o allevati da soli. C'è ancora una percentuale di animali che mostra comportamenti dello stesso sesso.



Gli attivisti anti-gay affermano regolarmente che l'abuso, l'abbandono o la cattiva genitorialità causano l'omosessualità. La letteratura scientifica, tuttavia, non supporta queste visioni obsolete. Secondo il dott. Eric Vilain, professore di genetica umana, pediatria e urologia presso l'UCLA, e il direttore dell'Istituto per la società e la genetica:

Ai fini dell'orientamento sessuale, ogni volta che i ricercatori hanno esaminato l'ampio ambiente esterno - l'ambiente macro - quindi, ad esempio, la struttura familiare. È vero che le madri single hanno maggiori probabilità di crescere bambini gay? Quello sarebbe un'influenza dall'ambiente. Bene, puoi effettivamente verificare questa ipotesi, ed è stato fatto dai team del Kinsey Institute. E non c'è assolutamente alcuna prova che questo tipo di ambiente, la struttura familiare, influenzi l'orientamento sessuale.

L'ambiente può essere un'esperienza sessuale passata, sia piacevole o spiacevole, e ancora, questo è stato studiato e non ci sono prove che questo sia il caso. Abuso di minori. Puoi chiedere a uomini gay o donne lesbiche se sono stati abusati sessualmente. E se lo fai e lo fai in un gruppo di controllo di uomini e donne eterosessuali, in realtà non trovi prove che questo tipo di ambienti ti cambino o sia associato a differenti orientamenti sessuali.

La ricerca contemporanea indica una combinazione di fattori genetici e biologici come potenti influenze sull'orientamento sessuale. Mentre i geni ricevono più attenzione, questa è solo una parte della storia:

Non è [l'orientamento sessuale] più elevato di molte condizioni studiate geneticamente ", ha affermato il dott. Alan Sanders, professore associato di Psichiatria presso la Northwestern University. "È ereditabilità da bassa a moderata. Ci sono diverse stime. Forse da qualche parte tra il trenta e il quaranta percento della variazione. "

Gli scienziati dicono che l'interazione tra i geni e l'ambiente intrauterino sono fondamentali nella formazione dell'orientamento sessuale di una persona. Il dott. Simon LeVay, neuroscienziato che ha prestato servizio nelle facoltà della Harvard Medical School e del Salk Institute for Biological Studies, riassume l'influenza di fattori biologici:

Generalmente questi [studi biologici] sottolineano l'idea che ciò che sta accadendo in modo diverso tra persone gay e etero è qualcosa nel loro cervello quando prima discendono prima di nascere. In altre parole, ci sono processi in cui l'ipotalamo e parti del cervello vengono creati quando le cellule nervose nascono e iniziano a svilupparsi e formano connessioni prima della nascita. Va avanti diversamente nei feti che alla fine diventano adulti gay e quelli che diventano adulti etero. E la differenza sembra essere determinata, almeno in parte, dagli ormoni sessuali che circolano nel sangue del feto. Questi ormoni provengono dalle gonadi, dai testicoli o dalle ovaie del feto. Entrano nel cervello e influenzano il modo in cui il cervello si sviluppa in senso sessuale, sia che si sviluppi in una direzione più maschile o più femminile. E ci sono più prove ora che questo processo va davvero avanti in modo diverso, se vuoi, nei feti gay e etero.

Sottili differenze anatomiche o differenze fisiologiche che sono state descritte di recente, come i rapporti di lunghezza delle dita, le proprietà fisiologiche dell'orecchio interno, i modelli di impronte digitali e così via, sembrano tutti adattarsi allo stesso quadro di base. Quali sono sembrano essere causati o derivano da differenze nel modo in cui gli ormoni sessuali interagiscono con il cervello e il corpo durante la prima infanzia. Quindi, alti livelli di testosterone sembrano guidare il cervello e il corpo in una direzione tipicamente maschile. Bassi livelli permettono al cervello e al corpo di svilupparsi in una direzione più femminile. E il suo genere di processo generale, se volete, fa sì che ci sia una sorta di collegamento tra queste caratteristiche anatomiche come i rapporti di lunghezza delle dita e l'orientamento sessuale di una persona. È come se facesse parte di un grande pacchetto di caratteristiche, che hanno tutte un processo di sviluppo comune alle spalle.



Un altro fenomeno biologico che è stato studiato è l'effetto "ordine di nascita fraterna". Gli studi hanno dimostrato che più i fratelli più grandi hanno un ragazzo, più è probabile che sia gay. Sebbene il dott. LeVay lo definisca un "effetto piuttosto debole", dice che è degno di nota:

Dovresti avere almeno una decina di fratelli maggiori prima che tu possa avere una cinquantacinquanta probabilità di essere gay solo con l'effetto dell'ordine di nascita. Ma sembra reale ed è una scoperta intrigante che deve davvero essere esplorata.

Il dott. Ray Blanchard, uno scienziato della School of Psychiatry dell'Università di Toronto, è stato il pioniere della ricerca sull'effetto "ordine di nascita fraterna" e spiega la sua teoria sul perché si verifica:

La teoria in piena regola va così. Sappiamo che ci sono alcune proteine ​​nelle cellule maschili che hanno controparti nelle femmine che sono diverse o che non hanno controparti nelle femmine. Sappiamo anche che il materiale fetale passa dal feto alla circolazione materna. Soprattutto al parto dove c'è molto strappo di tessuto materno e un sacco di materiale fetale entra nella circolazione della donna.

Quindi, ipotizzo che il tessuto di cellule o frammenti di cellule di un feto maschio entri nella circolazione della madre. La madre percepisce queste sostanze maschili come estranee e sviluppa loro una risposta immunitaria sotto forma di anticorpi. Questi anticorpi ora attraversano la barriera placentare quando ha un altro feto maschio. E influenzare il feto maschio in modo tale da influenzare parzialmente la differenziazione del cervello in modo tipico maschile. Quindi, la parte del cervello dei feti che controlla l'orientamento sessuale viene lasciata nella posizione predefinita di preferire i maschi piuttosto che le femmine.

Inoltre, uno studio pubblicato a maggio da 2006 da scienziati svedesi dimostra che la biologia gioca un ruolo chiave nel determinare la sessualità di una persona. La ricerca mostra che la parte del cervello che aiuta a regolare la sessualità - l'ipotalamo - ha reagito esattamente allo stesso modo nelle donne eterosessuali e gay quando esposte ai feromoni maschili, che sono sostanze chimiche progettate per provocare un comportamento, come l'eccitazione sessuale. La stessa area del cervello è stata stimolata solo negli uomini eterosessuali quando introdotta ai feromoni femminili.

Non abbiamo tutte le risposte, ma la scienza sta avanzando e ampliamo continuamente la nostra conoscenza dell'orientamento sessuale. Secondo il dottor Marc Breedlove, Rosenberg, professore di neuroscienze presso la Michigan State University:

Comprendiamo presto tutto sull'orientamento sessuale? Non lo so, questa è una grande domanda. Non capiamo tutto di moltissimi processi biologici. Certamente non capiamo tutto del parto o del cancro o quasi qualsiasi processo che qualcuno di noi trovi veramente interessante. Quindi, penso che il bello di essere uno scienziato è che ci sono sempre molte cose che ancora non sappiamo. La seconda cosa grandiosa dell'essere uno scienziato è che con il giusto allenamento, hai almeno una possibilità di combattere per scoprire cose che prima non sapevi. Questo è ciò che lo rende divertente.

Classificazione Gayout - da 0 giudizi.

Altro da condividere? (Opzionale)

..%
Nessuna descrizione
  • Taglie:
  • Tipo:
  • Anteprima: